Dove mangiare/ Eventi

Fiorenzano pizzaioli dal 1897, grandiosa riapertura

Apertura Fiorenzano

Attenziò Battagliò

È asciut pazz o padron

e a fatt na granda ristrutturaziò!

Il mio racconto della suggestiva riapertura di Fiorenzano pizzaioli dal 1897 parte proprio da qui. Dal mitico Angelo Picone, pazzariello napoletano, ottimo compositore e artista eclettico che incontro salendo la Pignasecca. Sì perché a Napoli, dovete sapere che la Pignasecca si sale o si scende, non si attraversa mica! Adoro questa zona, tra pesce e spezie, profumi e colori di neon e vetrine, sembra fare un viaggio nel Mediterraneo facendo 300 mt scarsi. Arrivati in cima alla Pignasecca c’è Piazza Montesanto ed è proprio lì che mercoledì 25 Ottobre ha riaperto il mitico locale Fiorenzano pizzaioli dal 1897  che come i più golosi sanno faceva una delle migliori pizze fritte di Napoli.

La riapertura sembra uno spot pubblicitario, se non bastasse il già citato Pazzariello Picone che intrattiene con le sue rime sarcastiche e divertenti, si aggiunge un pubblico festoso, curioso, caotico e soprattutto ansioso di scoprire la novità. E se l’occasione rende l’uomo ladro, vuoi mettere che la pizza fritta di Fiorenzano non renda il popolo affamato?? Le premesse ci sono tutte, e direi che anche le mie aspettative vengono mantenute. Avendo legato lì un ricordo di ragazza che aspettando la cumana di Montesanto divorava una pizza fritta da sballo, l’adulta che adesso sono non è rimasta di certo delusa. Renato Fiorenzano, come un grande concertista dà il meglio di sé davanti al suo strumenti preferito, la padella con olio per le pizze fritte. Renato in quanto

 

Fiorenzano pizzaioli dal 1897 ha il merito di aver recuperato la tradizione della pizza fritta, della rosticceria e della friggitoria, creando un cast di esperti del settore.

Renato Fiorenzano, rosticciere esperto della pizza fritta, erede dello storico cognome di questa famiglia di pizzaioli e friggitori, nato e cresciuto proprio nel cuore pulsante della Pignasecca frigge una quantità incredibile di pizze e tutte sono meravigliosamente dorate e profumate. Ma la riapertura attira a sé anche altri grandi personaggi, Alessandro Errico, figlio dello storico pizzaiolo di Brandi  maneggia con sapiente maestria la pala da forno. Antonio Ammaturo, invece offre il suo sapere sfornando il “Sigaro di Palinuro”. Oltre alla bontà notevole di queste proposte non si può non ammirare la bellezza del luogo. In maniera particolare ho apprezzato il lato friggitoria che ha una grande vetrata che affaccia proprio sulla strada, come per dire…si mangia prima con gli occhi! Vedendo come lavorano con passione e maestria non ci si può non far venire l’acquolina, una fermata è obbligatoria, anche solo per un crocché, una sgogliozzo o un aracino si deve fare. E se si ha più tempo, una deliziosa sala con menù alla carta aspetta i suoi ospiti. Volete iniziare a scegliere la vostra pizza? Bene, queste sono alcune delle specialità:

 
  • Forcella – con Pomodoro San Marzano, fior di latte di Agerola, salame piccante e basilico
  • Montesanto – un ripieno di provola e scarole, con acciughe su richiesta
  • Scampia – con provola, salsiccia e friarielli
  • Capodimonte  con provola, crema di pistacchio, mortadella e limone grattugiato
  • Caracciolo – con provola, crema di zucca, salsicce, scaglie di grana e basilico
  • Monte di Dio – con provola, crema di noci, pancetta aromatizzata e basilico
  • Tribunali  con wurstel, patatine e Fior di latte di Agerola
  • Vomero – con crudo di Parma, rucola, scaglie di grana, Fior di Latte di Agerola
  • Toledo – con pomodorini, ricotta di bufala, crudo di Parma, basilico, Fior di latte di Agerola

Più di un inno alla propria città! Già da questi titoli si capisce quanto i Fiorenzano siano legati a questa terra.

Io ho provato quasi tutto, ubriacandomi di buon cibo e ottime fritture e non vedo sinceramente l’ora di tornarci!

Magari ci torniamo assieme?

Non si può che lodare questa iniziativa che ha visto la riapertura dopo tanti anni, dando così nuova luce alla piazza e offrendo lavoro a giovani volenterosi.

(Le chiacchiere stanno a zero, le pizze fritte passano a 10 n.d.r.)

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

CONSIGLIA Torta di mais